Gli estratti di questa pianta sono controindicati in caso di: L'artiglio del diavolo può interagire negativamente con i seguenti farmaci: Gli effetti pro digestivi dell'artiglio del diavolo, dovuti a una maggior secrezione gastrica e biliare, possono rivelarsi controindicati in caso di gastrite, ulcere gastriche, duodenali e calcoli alla cistifellea. L’artiglio del diavolo è una pianta di origine africana, che è così chiamata in quanto presenta una forma molto simile a quella di un artiglio legnoso. Le proprietà dell’artiglio del diavolo sono analgesiche e curative, e per quanto riguarda l’azione topica è importante che vengano impiegati composti e dosaggi attenti, in quanto si tratta di una pianta molo potente. Kunth indica l'Egitto. Famiglia I frutti possono raggiungere i 15 centimetri di diametro e posseggono quattro file di bracci dotati di uncini ricurvi. Famiglia Molto utilizzato anche in ambito fitoterapico, lo zenzero è costituito dal fusto sotterraneo (rizoma) di Zingiber officinale (Fam. I valori di colesterolo alto dipendono, infatti, nell’80% dei casi da cause legate alla sintesi e solo per il 20% da cause legate all’alimentazione. L’artiglio del diavolo rappresenta una vera e propria insidia per i mammiferi che incautamente lo calpestano: gli uncini che rivestono i frutti infatti si conficcano nella pelle della vittima, immobilizzandola e facendola di fatto morire di sete in preda alle convulsioni. Al termine delle cure, l’artiglio del diavolo si è rivelato efficace tanto quanto il farmaco. Lo stress e la stanchezza fisica e mentalecreano con facilità disturbi di questo tipo. Nativo del Sudafrica, in particolare del deserto del Kalahari, l’Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens) deve il suo nome al caratteristico aspetto ad uncino, ad artiglio, dei suoi frutti. Artiglio del diavolo: modalità d’uso e posologia Uso interno . Lasciate raffreddare prima di chiudere con il coperchio e riponete in un luogo a temperatura fresca e poco luminoso (l’armadietto dei farmaci è perfetto). Radici e tuberi si trovano però in commercio in differenti forme: pillole, capsule, pomata, tintura e decotto, quest’ultimo ottenuto lasciando bollire la pianta nell’acqua. L’azione dell’artiglio del diavolo nei confronti del colesterolo è quindi attiva e benefica, ma non va mai intesa come una metodologia unica per combattere l’ipercolesterolemia. Un erborista esperto potrebbe consigliarvi di assumere l’erba in combinazione con altre piante officinali come il trifoglio d’acqua o la Spirea Olmaria al fine di potenziare i risultati, per una durata complessiva fra le 8 e le 12 settimane. Per la cura dell’artrite, l’artiglio del diavolo si trova in commercio in capsule, pomata e gocce di tintura madre. In alcuni casi l'artiglio del diavolo ha scatenato diarrea anche con dosi di assunzione normali. Nome scientifico Aglio Linneo indica la Sicilia come la patria della pianta. Il trattamento di norma va continuato per un paio di mesi. L'artiglio del diavolo si può assumere sia per via orale (uso sistemico) sia per uso esterno (o topico) sulla parte da trattare. Agitate e inserite nel forno a microonde per un minuto. Si rivela valida anche in caso di dolori cervicali, artrite reumatoide, gotta, per contrastare l’ipertensione e ridurre colesterolo cattivo e glicemia. L’artiglio del diavolo viene utilizzato da moltissimi secoli dai popoli sud africani, come rimedio per varie problematiche, soprattutto del sistema osteo articolare. Aboca Artiglio del Diavolo Concentrato Totale è un complemento alimentare a base di estratti vegetali funzionali per il benessere delle articolazioni.. L'azione . Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. L'uso etnobotanico dell'artiglio del diavolo ha avuto origine in Africa Meridionale. Ha radici secondarie – tuberi – che crescono su una radice principale lunga fino a 2 metri, che penetra nel terreno. Pianta coltivata ovunque ma importata dall'Asia e dall'Africa. Sulla rivista Rheumatology è stato pubblicato un altro studio eseguito su 79 pazienti nell’arco di 6 settimane. Molti di questi studi hanno paragonato l'efficacia di comuni prodotti antinfiammatori a quella degli estratti naturali di Arpagofito. Il costituente più importante dell'aglio è l'alliina, che nel bulbo contuso, in seguito a reazioni di tipo enzimatico... Arpagofito (o artiglio del diavolo): Harpagophytum procumbens, famiglia Pedaliacee. © Altri ricercatori sostengono di averlo trovato... Arpagofito in Erboristeria: proprietà dell'Arpagofito, Artiglio del diavolo su Wikipedia italiano. Ci sono 14 studi aventi come oggetto l’artrite che rivelano l’efficacia dell’artiglio del diavolo nella cura alla patologia. Il costituente più importante dell'aglio è l'alliina, che nel bulbo contuso, in seguito a reazioni di tipo enzimatico...Leggi, Arpagofito (o artiglio del diavolo): Harpagophytum procumbens, famiglia Pedaliacee. La pomata a base di estratto di artiglio del diavolo è molto richiesta. L’Artiglio del Diavolo non ha capacità curative, ma è un valido rimedio naturale alle varie sintomatologie; è impiegato insieme a farmaci specifici per rafforzarne l’azione e può essere impiegato come integratore per raggiungere un ottimale benessere fisiologico delle articolazioni. L’artiglio del diavolo è la medicina naturale più efficace conosciuta per il trattamento dell’artrite. L’artiglio del diavolo ha note proprietà rilassanti e analgesiche se si pensa a tessuti molli come muscoli e tendini, esso è particolarmente indicato per dolori alla schiena, cervicalgie, febbre, tendiniti … Pianta strisciante africana di cui si utilizzano le radici secondarie: raccolte, tagliate a fette e lasciate essiccare al sole. L’artiglio del diavolo, o Harpagophytum procumbens è una pianta originaria dell’Africa che deve il suo nome volgare al caratteristico aspetto dei suoi frutti, i quali sono ricoperti da “uncini”, utili all’arpagofito per agganciare i piccoli animali in transito. Costituenti chimici L’artiglio del diavolo può ridurre l’assorbimento del colesterolo cattivo da parte dell’intestino, grazie ad alcune sostanze chiamate fitosteroli. Cymbopogon citratus Costituenti chimici Il consiglio in più. Proprietà, reazioni avverse e informazioni utili sull’uso dell’artiglio del diavolo.. L’artiglio del diavolo, pur trattandosi di un rimedio naturale, non è privo di controindicazioni. Numerosi studi clinici ne confermano l’efficacia nell’alleviare il dolore e la rigidità causati dall’osteoartrite, in particolare nelle ginocchia e nei fianchi, nonché nella zona lombare. Olio essenziale ricco di estragolo (sino...Leggi, L'Aglio è una pianta coltivata da tempo antichissimo. Negli estratti in commercio è presente dall’1,4% al 2% di Arpagoside. L’artiglio cresce spontaneamente in Namibia, Angola, Botswana e nel deserto del Kalahari. Le informazioni inserite su queste pagine non possono sostituirsi alla diagnosi di un medico che rimane l’unica figura di riferimento alla quale ricorrere in caso di sintomi o anomalie sospette. Allium sativum L. Pianta coltivata ovunque ma importata dall'Asia e dall'Africa. Quando applicate in testa, fate particolare attenzione ad evitare il contatto con gli occhi. In molti casi i risultati sono stati incoraggianti e l'artiglio del diavolo ha sempre confermato le proprie virtù terapeutiche. Artiglio del diavolo, controindicazioni: tutti gli effetti collaterali legati all’uso dei preparati a base di artiglio del diavolo. Nel corso del tempo sono dolori che compaiono, in maniera più o meno persistente, a tutti. I dolori muscolari, le tensioni, le contratture sono poi davvero frequenti. L'Aglio è una pianta coltivata da tempo antichissimo. All’artiglio del diavolo sono state attribuite proprietà antinfiammatorie e analgesiche. Pianta strisciante africana di cui si utilizzano le radici secondarie: raccolte, tagliate a fette e lasciate essiccare al sole. Artiglio del diavolo: i benefici per l’apparato cardiovascolare. Chi ha assunto l’arpagofito ha evidenziato miglioramenti e non ha dovuto ricorrere ai FANS quanto chi è stato curato con il placebo. Dosaggio artiglio del diavolo: pomata, compresse o decotto. Il fatto che l’artiglio del diavolo sia la pianta officinale accettata con più positività dalla scienza ufficiale e quella sulla quale, in assoluto, sono stati condotti il maggior numero di studi, fa di esso un rimedio richiesto anche da chi normalmente rifiuta la medicina alternativa. Gli studi hanno dimostrato che l’assunzione dell’artiglio del diavolo per 8/12 settimane può ridurre il dolore e migliorare la funzionalità fisica delle persone affette da osteoartrite. L'artiglio del diavolo si è dimostrato particolarmente attivo soprattutto nelle situazioni che causano dolore e infiammazione c… L'artiglio del diavolo è una pianta molto utile per via delle sue proprietà benefiche per l'organismo, ma possiede anche alcune controindicazioni. Sappiamo che le erbe sono strumenti di cura molto potenti e che il loro impiego deve essere valutato in particolari condizioni e stati di salute. Una revisione di “Cochrane” sugli effetti clinici di questo rimedio ha osservato che l'artiglio del diavolo sembra ridurre il mal di schiena più del placebo, anche se di moderata significatività. L’artiglio del diavolo è una pianta dalle virtù molteplici, che molto spesso è impiegata per via topica poiché abile nel curare efficacemente le infezioni, le infiammazioni e i dolori di tipologia articolare. Affinché possa essere davvero di supporto è però necessario consultare il proprio erborista di fiducia e farsi consigliare da lui sui giusti dosaggi. Le radici vengono impiegate dalla medicina popolare come antipiretico,... Lemongrass in Erboristeria: Proprietà del Lemongrass. Ostacola inoltre l’indurimento delle arterie, prevenendo l’aterosclerosi. Cos'è Arpagofito per Bocca. L’artiglio del diavolo, erba rampicante originaria del Sud Africa, è nota per curare il mal di schiena. Erano i cosiddetti sciamani, ovvero gli stregoni guaritori, ad utilizzare questa pianta sotto forma di decotto per alleviare il dolore dei propri pazienti. L’artiglio del diavolo ha proprietà cardioprotettive e anti-aritmiche e ipotensive. Il problema è dovuto alla presenza di sostanze amaricanti nelle radici, che potrebbero portare alla comparsa di nausea, diarrea e anche di forti dolori addominali. I bambini al di sotto dei 12 anni non devono assumere artiglio del diavolo. Una ricerca analoga, della durata di 54 giorni, con 38 pazienti, ha messo in relazioni gli effetti dell’artiglio del diavolo e di un antidolorifico efficace ma bandito dal mercato europeo per le controindicazioni cardiache, il voixx. Altri ricercatori sostengono di averlo trovato...Leggi, Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. È utilizzata come crema anti-brufoli e in alcuni casi per lenire i dolori causati dalle piaghe post-ustione e la ragione di questo impiego va ricercata nella presenza di sostanze che sono in grado di inibire l’azione dei metaboliti, gli agenti responsabili del processo infiammatorio. Bulbi freschi. In Europa è conosciuto e usato da più di 50 anni per il trattamento delle patologie reumati… Una simile dose contiene circa 50-100 mg di arpagoside (principio attivo presente nelle radici dell'artiglio del diavolo). L'artiglio del diavolo deve il suo nome alle quattro appendici dure e nastriformi che caratterizzano i suoi frutti ovoidali. Per la precisione, questa pianta è uno degli “emblemi floreali” (simboli geografici) del Botswana, dove si crede possa essere utile nel trattamento di varie condizioni dolorose. Se optate per questa soluzione, fate attenzione che la quantità giornaliera minima di arpagoside non sia al di sotto dei 50mg, poiché si tratta del principio attivo della pianta senza il quale essa si rivela inutile. La natura ci offre … Alcuni Autori affermano che l'unico paese dove l'Aglio è stato trovato allo stato selvatico in maniera certa è la Cina. 2021 Artiglio del Diavolo, Artiglio del diavolo, osteoartrite, artrosi e reumatismi. L’artiglio del diavolo possiede delle sostanze sfiammanti efficaci, che lo rendono ideale per chi ricerca una cura naturale e priva di effetti collaterali. L’artiglio del diavolo è indicato per il trattamento adiuvante delle malattie muscolo scheletriche: osteoartrite, dolore alla schiena, alle anche e alle ginocchia. L’ artiglio del diavolo è una pianta utilizzata da sempre come antinfiammatorio naturale, soprattutto per problemi e fastidi legati al sistema articolare e osseo. Liliaceae Mescolate ancora e ripetete l’operazione in forno per altre 4 volte, badando bene, nell’ultima, di estrarre l’infuso dal forno 30 secondi prima. L’efficacia dell’artiglio del diavolo si ha a dosaggi giornalieri di estratto acquoso contenente 50-100 mg di arpagoside per almeno quattro settimane. Qui di seguito elencheremo tre ricette per preparare l’artiglio del diavolo: Mescolate gli ingredienti con cura e scaldate nel forno a microonde, il tempo necessario affinché la cera d’api si sciolga e non oltre. L’ artiglio del diavolo è conosciuto in particolare per le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche. Droga costituita da foglie e parti aeree. L’assunzione non deve protrarsi per più di due settimane, e se non si riscontrano benefici in questo arco di tempo è ideale chiedere un consulto al proprio medico curante. Le principali proprietà benefiche dell’artiglio del diavolo risiedono nelle sue radici e sono note fin dai tempi più antichi dalle tribù africane, che se ne servono per curare febbre, infezioni e perfino la Malaria. Europa ed America del Nord. Origine Via Boccalerie, 16/a - 35139 Padova 049 8762583 [email protected] L' Artiglio del diavolo è in una laterale di piazza della Frutta all' interno di un palazzo medioevale in un contesto molto particolare e suggestivo.